intervista a Giampiero Bianchi

Ciao Giampiero, come procedono i tuoi progetti modellistici? Sappiamo che stai
portando avanti un nuovo diorama! Puoi anticipare qualcosa?

Ciao a tutti e grazie per il vostro interesse per le mie realizzazioni. I nuovi progetti
procedono bene, sto portando avanti un nuovo lavoro molto articolato ed ancora
più impegnativo, ma mi piace alzare l’asticella ad ogni nuovo lavoro, per trovare
sempre nuovi stimoli e nuove sfide da superare. Vi anticipo che l’ambientazione
sarà molto “fredda”…….nella zona dell’Alsazia nell’inverno del 1945.

I tuoi modelli e ambientazioni sono molto apprezzati nel mondo del modellismo
statico, finalmente Mig Jimenez ti ha conferito il meritato Best AMMO, al diorama
Die Gotterdammerung – Berlin 1945. Un premio meritatissimo dopo la medaglia
d’oro vinta nella medesima categoria al nostro Challenge Colle21. Due premi
assegnati da due giudici di assoluto valore, Mig e Jorge Porto, cosa significano per te
questi riconoscimenti?

Sono felicissimo ed onorato di questi riconoscimenti che mi vengono conferiti da
due modellisti di fama mondiale, che personalmente ammiro e stimo. In particolare
Mig è stato per me un riferimento importante nel miglioramento delle mie tecniche
modellistiche. Ho partecipato ad un suo work-shop a Moson ed ho sempre seguito i
suoi articoli su Weathering Magazine e i vari filmati postati su YouTube…….

Raccontaci la tua storia modellistica! Hai iniziato da solo o qualcuno ti ha portato
dentro questo fantastico mondo?

Vengo da una famiglia di “modellisti”: già mio padre “smodellava”……ricordo che da
piccolo lo vedevo impegnato ad assemblare modelli di aerei civili e navi!!! Deve
averci trasmesso lui questa passione perché sia io che i miei due fratelli abbiamo
iniziato presto aa assemblare modelli. Io penso di aver avuto 12 o 13 anni quando
ho acquistato la mia prima busta dell’Airfix: ricordo che era lo Sherman in scala
HO/00. Poi dopo qualche tempo e qualche altro modello è arrivato il primo
barattolino di colore Humbrol (pulivo i pennelli con l’acetone che usava mia mamma
x le unghie…) e poi via via le prime limette, la carta abrasiva ecc…ecc…..montavo un
po’ di tutto seguendo la passione che man mano cresceva: aerei, navi, moto,
astronavi, auto….fino ad arrivare alla passione per i mezzi corazzati ed in seguito per
i diorami. Ho visto la nascita di tutto l’after market che a poco a poco è entrato nel
nostro hobby ed ormai è diventato irrinunciabile per ottenere un modello di qualità,
partendo dalle fotoincisioni, alle conversioni in resina, ai cingoli in metallo, a tutta la
gamma di colori e pigmenti ecc… ecc…cose impensabili ripensando ai primi modelli!!

Sei un modellista di livello internazionale da diversi anni, sicuramente qualcuno ti ha
supportato aiutandoti, chi vuoi ringraziare?

Il primo grande modellista che ho ammirato ed a cui mi sono ispirato è stato
Verlinden. Ricordo che sfogliavo i suoi cataloghi ed ero affascinato dalle sue
composizioni, così raccolte ed allo stesso tempo complete di tutti i dettagli!! Il suo
stile e la capacità di fermare dei momenti con le sue composizioni hanno “plasmato”
anche il mio modo di interpretare la mia passione per i diorami. Poi sono arrivati gli
altri grandi modellisti contemporanei ed in particolare Mig Jimenez, Marijn Van Gils
e Shigeyuki Mizuno, che con le loro opere e le loro tecniche mi hanno aiutato ed
ispirato per raggiungere i risultati odierni…….a loro va veramente il mio sentito
ringraziamento!! E poi devo ringraziare il mio gruppo dei “Picchiatelli” che con il suo
supporto e le trasferte mi ha permesso di partecipare alle mostre all’estero e farmi
conoscere anche in ambito europeo.

Parlaci del modello/diorama che più ti ha dato soddisfazione.

Sicuramente il diorama “Die Gotterdammerung” è il lavoro che mi ha dato più
soddisfazioni, non solo per i numerosi riconoscimenti internazionali che mi ha
regalato, ma anche perché finora lo considero il lavoro più completo che sono
riuscito a realizzare, sotto tutti i punti di vista. Ancora oggi non mi stanco di
osservarlo: trovo che descriva bene la storia che volevo raccontare, questo penso
anche dovuto all’attenta progettazione a monte del lavoro ed alle numerosissime
prove di posizionamento dei vari elementi nelle varie fasi di lavorazione, durata
quasi un paio di anni.

Torniamo al contest. Ti abbiamo spesso visto interagire nelle nostre dirette, in
occasione delle premiazioni di categorie dove non hai partecipato, questo significa
che il Challenge Colle21 ti è piaciuto particolarmente?

Si il Challenge Colla 21 mi è piaciuto ed è stato molto interessante seguire tutte le
categorie: Trovo che ci sia sempre da imparare dai lavori degli altri modellisti, che
questi facciano figurini, sci-fi, aerei auto ecc… c’è sempre qualche spunto, qualche
idea o qualche tecnica che può essere presa “in prestito”. E’ poi utile ed interessante
seguire le premiazioni ed i commenti dei vari giudici, per capire con quali parametri
vengono giudicati i vari modelli e valutare se si è sulla strada giusta.

Il nostro staff ha lavorato molto per offrire il massimo, è stato un lavoro molto lungo
ma allo stesso tempo l'apprezzamento di modellisti come te, Fabio Franquillo, Diego
Risiti, Daniele Petrucci, Massimiliano Richiero, Riccardo Casati e tanti altri, ci ha dato
quella spinta in più per organizzare le dirette in occasione della premiazioni. E' stata
una buona idea o preferisci, per i contest online, la sola pubblicazione del palmares?

Penso che le premiazioni “in diretta” siano state una buonissima idea!! Pur essendo
un contest on line durante le premiazioni si sono provate quelle emozioni che solo
una premiazione in tempo reale può offrire. Il vostro lavoro è stato eccellente ed
apprezzato dai modellisti, vista anche la presenza numerica durante le dirette.

Abbiamo pensato di adottare questa linea per dare una valida alternativa ai
modellisti abituati a partecipare ai concorsi, in un periodo come questo di
restrizione per via del Covid. Creare un evento per fare comunity crediamo sia
servito per allentare un po la pressione dopo il lockdown. Proprio per questo stiamo
già lavorando alla seconda edizione, ti piacerebbe aiutarci ed entrare a far parte del
nostro team?

Come detto sopra avete avuto una validissima idea che come tanti altri modellisti ho
apprezzato molto. Sarei ben lieto oltre che onorato entrare nel vs. team per
l’organizzazione del prossimo evento e di qualsiasi altra iniziativa che possa
contribuire alla diffusione di questo hobby.

Reputiamo il vostro concorso (Picchiatelli NdR) uno dei migliori a livello Europeo, e
conosciamo le vostre ambizioni. Colle21 vorrebbe contribuire con il suo stand alla
prossima edizione, avete delle informazioni da darci…si farà o non si farà?
Avete già una presunta data?

Come Gruppo Modellistico “Picchiatelli” vi ringraziamo molto per la stima:
purtroppo per quest’anno abbiamo a malincuore deciso di rimandare la mostra al
2021 e precisamente il 9 e il 10 di ottobre. Gli ospiti ed i brand commerciali che
avevano aderito non ci hanno ancora riconfermato la loro presenza: speriamo che
nei prossimi mesi ci diano risposte postive. Sarebbe un vero piacere ospitare anche
lo stand Colle 21 , che con i suoi prodotti si è ormai affermato come marchio di
grande qualità.

Abbiamo visto da Facebook che la vostra associazione si incontra abbastanza
frequentemente presso la sede. Naturalmente rispettando la distanza di sicurezza e
indossando la mascherina, questo dimostra la serietà delle persone che la
compongono. Bravi! Da quanti anni fai parte dei Picchiatelli? Quali sono i soci con i
quali ti trovi meglio?

Ho conosciuto il Gruppo “Picchiatelli” in occasione di una loro mostra di una decina
di anni fa alla quale ho partecipato come modellista “indipendente” ed ho trovato
subito un gruppo fantastico di modellisti e soprattutto di amici. Ho deciso di
iscrivermi per accrescere le mie conoscenze “modellistiche” e condividere idee ed
esperienze: mi sono così unito, come già detto, alle loro trasferte europee per
partecipare ad eventi come il Moson Show (che ormai è diventato un appuntamento
irrinunciabile), il KMK Scaleworld, lo Scale Model World di Eindhowen… parteciparea queste mostre e conoscere le altre realtà europee è stato di grande stimolo per la mia attività modellistica, oltre che una bellissima esperienza sul lato umano.

Anche all’estero tutti parlano un gran bene di voi, se si farà il Mondiale di
Veldhoven, pensate di partecipare?

Questa positiva considerazione che abbiamo all’estero ci fa veramente piacere e ci
riempie di orgoglio, facendoci capire che stiamo lavorando bene. Per il Mondiale
avevamo già le prenotazioni per l’edizione di quest’anno, poi sospesa. Ci saremo
comunque senz’altro il prossimo anno.

Anche noi ci saremo (nuovi lockdown permettendo) al prossimo World Model Expo,
se ci sarai mi piacerebbe ospitarti per una demo al nostro stand, ti piacerebbe?

 

Ti rinnoviamo la nostra stima, non vogliamo rubarti altro tempo ma promettiamo di
contattarti presto per proporti una nuova collaborazione in occasione della nuova
edizione del Challenge Colle21! Salutaci tutti i Piacchiatelli!

La stima che mi accordate è ricambiata. Saluto senz’altro tutto il Gruppo (che

ricambia con stima i saluti) e aspetto vostre notizie per la prossima edizione!!!! A
presto……..ciaoooo!!!

 

Lascia un commento